Amore finito? Ci pensa la terapia di coppia

Amore finito? Ci pensa la terapia di coppia

epiCura

Indice

1. I segnali di un rapporto in crisi2. Quando è necessaria la terapia di coppia?3. A cosa serve la terapia di coppia?4. Come si svolge la terapia di coppia?5. I vantaggi della terapia di coppia?6. Terapia di coppia online: la soluzione di epiCura

La terapia di coppia è un supporto psicologico che aiuta i partner a ritrovare la capacità di dialogare e ascoltarsi.

Sono molti i fattori che mettono a dura prova una relazione amorosa: le crisi personali, le insicurezze, l'incapacità di comunicare ma anche i problemi sessuali e le eventuali infedeltà.

Per quanto possa sembrare difficile, spesso la situazione non è irreparabile e uno psicologo di coppia può aiutare a superare gli ostacoli e a ritrovare un nuovo equilibrio.

I segnali di un rapporto in crisi

Le relazioni sentimentali possono generare la nostra felicità ma anche il suo esatto opposto.

Spesso si cade, si sbaglia, ci si allontana: le difficoltà sono sempre in agguato e nessuno ne è esente.

Comprendere questo aspetto della vita a due è importante perché spesso, quando nascono i problemi di coppia, si ha la sensazione di essere gli unici ad affrontare una crisi o l’eventualità di un amore finito.

Ma come si fa a capire che il rapporto è entrato in una fase complicata o disarmonica?

John Gottman, il terapista americano considerato uno dei punti di riferimento mondiali per la terapia di coppia, ha delineato in modo molto chiaro e incisivo i segnali di una relazione sentimentale in crisi.

Il primo è la presenza continua di critiche che sostituiscono gli apprezzamenti e gli elogi nei confronti del partner.

Spesso, secondo Gottman, si disapprova l’altro perché ha gusti e preferenze che divergono dai nostri: la diversità non è più un valore aggiunto nella coppia ma un ostacolo.

In molti casi, le emozioni negative suscitate da un litigio danno voce alla parte più nascosta di noi stessi: rabbia e delusione prendono il sopravvento e ci si ritrova a disprezzare o insultare l’altro o a utilizzare armi più sottili, ma ugualmente letali, come il sarcasmo o il cinismo.

Si sta sulla difensiva e ci si rifiuta di comprendere le posizioni del partner, giustificare se stessi diventa più importante dell’ascolto empatico.

Infine, il silenzio: quante volte capita di chiudersi in se stessi, interrompendo ogni forma di comunicazione?

Quando ci si rende conto di queste difficoltà, è necessario intervenire prima che la distanza diventi troppo ampia da colmare.

Sotto questa ottica, la terapia di coppia rappresenta una delle ancore di salvezza più importanti ed efficaci.

Quando è necessaria la terapia di coppia?

In linea teorica un percorso terapeutico di coppia andrebbe affrontato sempre, a prescindere dall’età e dalla fase nella quale si trova la nostra relazione: è difficile intervenire però quando va tutto bene, sarebbe come andare dal dottore prima di essere malati!

Esistono però dei momenti delicati o problemi di coppia particolarmente importanti in cui un aiuto professionale esterno può fare la differenza: pensiamo, ad esempio, a un tradimento, alle ingerenze della famiglia d’origine, alla fase di passaggio da coppia a genitori o a improvvise difficoltà nella sfera intima.

Non trascuriamo inoltre l’impatto che ha avuto sull’equilibrio di molte relazioni la convivenza forzata dovuta alla recente pandemia.

A cosa serve la terapia di coppia?

La terapia di coppia, al pari di quella individuale, è un percorso che risponde al desiderio di elaborare la sofferenza e il disagio che stiamo provando.

Il fine è quello di imparare a guardare il partner sotto un’altra prospettiva ma anche di comprendere le cause del malessere che ha investito la relazione.

Lo psicologo di coppia non è un giudice, non arbitra e non emette sentenze ma aiuta i partner a esternare i bisogni più nascosti, le aspettative e a ritrovare l’empatia nei confronti dell'altro.

Non sottovalutiamo l’importanza e la forza di questo sentimento.

Secondo un report pubblicato su BMJ, è proprio l'empatia reciproca e la tolleranza ad aumentare la capacità e il desiderio di risolvere le crisi di coppia.

La terapia non serve soltanto a ricucire il rapporto.

In alcuni casi può aiutare a capire se davvero l’amore è finito, soprattutto quando ci si rende conto che la progettualità comune non esiste più: le sedute si trasformano quindi in un nuovo percorso in cui l’obiettivo è dirsi addio con serenità e rispetto.

Come si svolge la terapia di coppia?

Non avere paura di impegnarsi, di porsi delle domande ma soprattutto di mettersi a nudo di fronte all’altro: questi sono gli ingredienti indispensabili per una terapia di coppia efficace e risolutiva.

Le prime sedute serviranno al terapeuta per entrare nel vivo della relazione, per comprendere le dinamiche disfunzionali che hanno causato la crisi di coppia ma anche come è nata la storia tra i partner.

È questo il momento in cui nasce quella che gli esperti chiamano alleanza terapeutica ovvero il clima di rispetto e fiducia tra specialista e paziente, la chiara condivisione degli obiettivi e la definizione dei compiti reciproci.

Lo specialista ascolta, empatizza ma non si schiera: la sua lealtà è la stessa nei confronti di entrambi.

Dopo l’elaborazione di un primo quadro d’insieme, lo psicologo di coppia inizierà la terapia vera e propria che potrà essere diretta e coinvolgere entrambi i partner oppure indiretta e prevedere, almeno per i primi tempi, colloqui separati.

Non deve spaventare quest'ultima prospettiva: spesso, per riuscire a recuperare il concetto del Noi, è necessario ritrovare la dimensione di un proprio spazio personale.

La frequenza delle sedute, che durano in media un’ora, potrà essere settimanale o quindicinale, in base alla conflittualità della relazione.

Durante gli incontri, il professionista aiuterà la coppia a comunicare in modo efficace, insegnando a entrambi le tecniche necessarie per percepire, comprendere e gestire le emozioni.

La durata della terapia è variabile ed è determinata da alcuni fattori come il grado di conflittualità, le prospettive future ma soprattutto il desiderio di entrambi i partner di risolvere i problemi: in assenza di questo ultimo tassello, il percorso sarà lungo e spesso inefficace.

I vantaggi della terapia di coppia?

I benefici di una terapia di coppia sono numerosi.

Le sedute insegnano a capire quali sono i propri punti deboli, a gestirli ma anche a tollerare e rispettare le differenze di coppia.

Si impara a leggere le proprie emozioni e quelle del partner, a esprimere i sentimenti che proviamo e a interrompere quel senso di colpa e di inadeguatezza che a lungo andare può distruggere anche le relazioni più forti.

Uno dei vantaggi più grandi di questo percorso consiste però nella comprensione che l’amore di per sé non è sufficiente per mantenere in vita una relazione ma occorre aggiungere la giusta dose di impegno, rispetto, dialogo ed empatia.

Terapia di coppia online: la soluzione di epiCura

Quando una relazione è in crisi sentimentale, diventa difficile per la coppia trovare dei punti d'incontro.

Molto spesso, fissare un appuntamento presso lo studio di un professionista può essere motivo di scontro perché sottolinea l'incapacità della coppia di ritagliarsi momenti di condivisione a causa di orari lavorativi o impegni giornalieri diversi.

Questi aspetti impediscono di raggiungere fisicamente il luogo della seduta alimentando l'astio tra i partner.

Per questa ragione, epiCura offre alle coppie in crisi anche la possibilità di avviare un percorso terapeutico con 2 o 4 videoconsulti mensili.

Le sedute online di psicologia e psicoterapia online sono prenotabili in qualsiasi momento, comodamente da casa o in ufficio.

I professionisti epiCura sono iscritti all'Albo degli Psicologi Italiani, e dunque sono tenuti a seguire le direttive del Codice Deontologico per quanto riguarda il segreto professionale.

immagine categoria

Psicologi e psicoterapeuti online

7 giorni su 7 da smartphone, pc o tablet

Prenota ora